Quando andare dallo psicologo

Quando capiamo che da soli non ce la possiamo fare.

Siamo troppo tristi da diversi mesi e non proviamo più piacere nel fare cose che prima ci piacevano, non vogliamo più vedere gli amici con cui siamo stati bene fino a poco tempo fa, ci sentiamo anestetizzati da troppo tempo e cominciamo ad essere spaventati.

Abbiamo dei pensieri fissi che si ostinano a stare nella nostra mente e non sappiamo come mandarli via.

Decidiamo di cambiare perchè capiamo che possiamo migliorare la nostra vita ma abbiamo bisogno di parlarne con qualcuno per capire come fare, da dove iniziare.

Ci capita qualcosa di terribilmente doloroso, come un lutto, un licenziamento inaspettato, un incidente, che ci fa stare tanto male da pensare di non farcela a tenere dentro tutto quel dolore.

Per il nostro partner non proviamo più desiderio e non capiamo perchè. Lo amiamo ancora?! Vorremmo salvare la relazione, ma continuiamo a parlare sempre delle stesse cose e non troviamo vie d’uscita o soluzioni per affrontare la crisi.

Abbiamo tante relazioni sentimentali ma poi…ci lasciano sempre… o le/li lasciamo sempre.

Decidiamo di divorziare ma vogliamo fare di tutto perchè i nostri figli non soffrano.

Con nostro figlio o nostra figlia non si può più parlare, litighiamo in continuazione ma vorremmo riportare serenità nella nostra famiglia.

Non riusciamo più a lavorare, a fare valere le nostre capacità coi colleghi, col capo, vorremmo cambiare lavoro ma abbiamo paura.

Quando….

Gli esempi potrebbero continuare per pagine e pagine ma non è necessario perchè è evidente che le situazioni sono accomunate da un grave senso di disagio della persona, di sofferenza psicologica permanente e prolungata che, in alcuni casi, compromette l’intera esistenza. Con l’aiuto di uno psicologo, in molti casi, si può provare a porre rimedio alla sofferenza, a cambiare, a capire, ad avere una nuova vita, perchè quella passata non ritorna, ma una più bella può sempre arrivare.